Category Archives: Coaching e Formazione

“Il Sogno in scena. creazione di un nuovo futuro”

“La Notte, secondo il mito greco ha due porte: una d’avorio, da cui arrivano i sogni fallaci, e l’altra di corno, da cui discendono i sogni autentici e veritieri (Omero, Odissea, XIX: 690-695). Il sogno è una autorappresentazione spontanea della situazione attuale della psiche: si sogna sempre da sé e di sé, scriveva Jung. sogni-ragazzoIl sogno esprime un punto di vista nuovo e spesso contrastante con quello della coscienza, e talora può avere una funzione prospettiva, anticipatoria per la nostra vita. Nel sogno si animano desideri e paure, ricordi e progetti del sognatore. “Il sogno in scena: creazione di un nuovo futuro” è una proposta d’incontro per chi desideri vivere una esperienza di conoscenza personale attraverso un gruppo di psicodramma junghiano….”

“Il sogno in scena” è il tema della giornata che si terrà sabato 15 dicembre 2018 dalle ore 9.00 alle 18.00 presso l’Associazione “Il Punto” di Burolo, organizzato dall’Associazione Mediterranea di Psicodramma.

Conduttori dell’incontro saranno la Dott.ssa Laura Marino, psicologa, psicoterapeuta e psicodrammatista, docente di Psicoterapia analitica della coppia e della famiglia presso l’Istituto di Psicologia Analitica e Psicodramma (IPAP) ed il Dott. Maurizio Gasseau, psicologo, psicoterapeuta e psicodrammatista, direttore dell’Istituto di Psicologia Analitica e Psicodramma.

L’incontro è rivolto agli adulti di ogni fascia di età e per l’iscrizione basta inviare una mail a sezionepiemonteamp@gmail.com o a marinolaur@libero.it.

Vi aspettiamo numerosi!!!

MCristina Raga

“Lego+Kolla … la rivoluzione del colore!!!”

nina

Cosa può mai accadere quando il Lego® Serious Play® Method  incontra un team creativo come quello del famoso negozio di abbigliamento “total black Kolla” di Ivrea?

 

La Rivoluzione del Colore!!!!

 

Continuamente, quando si lavora in team, esiste l’esigenza di confrontarsi per fare il punto della situazione e definire nuovi obiettivi. Questa necessità ha spinto il famoso “Prufesur”, titolare dei suddetti punti vendita Kolla, a confrontarsi con il suo staff utilizzando un metodo “seriamente giocoso” in grado di dar forma a nuove idee.

E queste idee sono emerse!!!

Durante il workshop è proprio apparso evidente come Kolla sia un negozio in continuo mutamento, fatto di colori e di una attenta ricerca ai dettagli, ai tessuti ed ai piccoli particolari che rendono un capo unico e capace di regalare un’emozione …

Un negozio fatto di cose e di persone in continua evoluzione dove non si può mai sapere cosa si potrebbe trovare passando appunto dal total black al colore, dagli accessori al … food!!!

img_1358-kolla

“Un occhio aperto sul mondo per ricercare l’emozione!!!” è stata la linea guida con la quale il team Kolla ha concluso il proprio workshop LSP!!!

La creatività lasciata libera di esprimersi dà sempre origine ad un collage impensabile e sorprendente di idee che hanno soltanto bisogno di essere trasferite in iniziative ed azioni concrete.

Le potenzialità nascoste in un metodo come il Lego® Serious Play® sono veramente inimmaginabili e la nostra grande soddisfazione sta nel constatare, con soddisfazione il crescente numero di gruppi che desiderano sperimentare tale metodologia!

A presto con le novità del team Kolla!!!

MCristina Raga

 

 

“La Quarta Via” di P.D. Ouspensky

gurdjief

La scorsa settimana, mentre stavo facendo un po’ d’ordine nei vecchi files del mio computer, mi è capitato di ritrovare un articolo che, per l’esattezza, avevo scritto il 06 marzo 2005, intitolato “UOMO O MACCHINA?” . Vi preciso la data di quando l’ho scritto solo per poter evidenziare come, già a quel tempo, sentissi impellente l’importanza di “far riflettere me e tutti coloro con i quali venivo in contatto” sulla necessità dell’uomo di studiare se stesso per trovare la propria Via.

Partiamo quindi da quell’articolo per arrivare ad una Via…

“UOMO O MACCHINA?”

“E’ ormai innegabile che noi viviamo nell’era della tecnologia, dei computer, della telefonia sempre più all’avanguardia e questa è sicuramente una gran forma di progresso, ma, quando rifletto su quest’epoca di grandi innovazioni, mi sorge spontaneo un interrogativo: l’uomo è stato in grado di adattarsi a questi cambiamenti e, se ciò è avvenuto, in che modo si è manifestato?

Un antico detto chassidico afferma che:

“ Per realizzare se stesso l’uomo deve prima di tutto restare fedele al suo sé più intimo e vero. Se nega se stesso non può più aiutare gli altri.”

Riflettendo su queste parole, per una strana, ma non poi tanto, associazione d’idee, mi viene in mente uno degli eventi cinematografici di questi anni che, per il suo successo, non solo ha registrato incassi da record, ma ha dato anche origine ad una continuazione sullo stesso tema: il film MATRIX.

matrix-1

Film certamente molto spettacolare per i suoi effetti speciali, che sono stati via via resi sempre più ricercati nelle ultime edizioni, ma anche film dal tema che, se in apparenza sembra solo essere una lotta tra due mondi, ossia quello dell’uomo e quello delle macchine, in realtà è molto più profondo, perché evidenzia il disperato tentativo dell’uomo di non essere ridotto ad un essere programmato, quindi ad un essere non più pensante e soprattutto non più libero.

Certamente se il regista ha voluto portare sullo schermo questa storia, non ha solo attinto alla sua fantasia, ma ha probabilmente osservato attentamente il graduale ma inesorabile “adattamento” che l’uomo moderno sta manifestando nei confronti del suo ambiente senza aver il tempo di metabolizzarlo nella giusta maniera.

Quanto infatti riesce ancora l’uomo ad essere se stesso con la propria individualità, con il proprio modo di pensare senza adattarsi passivamente alle mode, alle tendenze, alle idee che giorno per giorno s’insinuano nel suo essere più intimo e che, se da un lato lo fanno sentire socialmente e culturalmente adeguato, dall’ altro gli tolgono poco per volta la sua originalità, ma soprattutto la sua “forza”?

Uniformandosi alla moltitudine più in fretta di quanto egli possa immaginare è chiaro che non esiste il tempo di poter rielaborare le informazioni provenienti dall’esterno adattandole al proprio essere. Quando ciò avviene l’uomo cade in una specie di torpore dal quale è necessario risvegliarlo e chi può farlo meglio di un super-eroe, di un risvegliato, di un “eletto”?

L’eletto è proprio il super-eroe di Matrix che da una parte, comunicando con un “oracolo”, mantiene vivo il legame con la Tradizione, con i valori tipicamente umani, e dall’altro combatte con un gruppo di fedeli seguaci la prorompente e distruttiva invasione delle macchine.

Se da un lato questa storia può sembrare un remake di lotte anacronistiche d’altri tempi, di storie da super-eroi, dall’altro mette in evidenza la “forza” dell’uomo, la sua determinazione che in ogni epoca ha creato dei grandi sovvertimenti socio-culturali necessari al perpetuamento della vita stessa evitando ogni forma di stagnazione, cercando però di non scordare e soprattutto di non rinnegare le proprie radici.

Ogni volta che l’uomo ha perso i propri punti di riferimento, si è sempre manifestato, ovviamente con differenti modalità, una forma di “disagio”.

Dal mio punto di vista, il successo di Matrix è proprio da ricercarsi nella sua testimonianza del disagio dell’uomo moderno di non poter più e di non sapere più comunicare a livello fisico, mentale…”

L’articolo continua, ma oggi, intendendo il 28 novembre 2017, non ha più rilevanza il seguito, perchè  in tutti questi anni di studio una Via tra le tante possibili per dare all’uomo una possibilità di cercare se stesso, il suo scopo in questa vita forse l’ho trovata e la vorrei condividere con voi.

gurdjief-1Mi sto riferendo al metodo di studio su se stessi esplicitato nel libro “La Quarta Via” di P.D. Ouspensky che riporta, nel modo più semplice possibile, l’aspetto pratico dell’insegnamento di G. I. Gurdjieff. L’attenzione posta sull’uomo che cerca di ritornare ad osservare il proprio corpo, i giochi della propria mente e l’illusorietà del “costruito” intorno a noi, non necessita di un ritiro dal mondo come potrebbero fare un fachiro, uno yogi od un monaco. E’ nel risvegliarci a porci domande, ad osservare con distacco la MATRIX o le MATRIX nelle quali viviamo che non ci farà diventare dei “PROGRAMMI” eseguenti, ma esseri ancora COSCIENTI.

Concludo con una frase del mio precedente articolo dicendovi che “…forse è tempo di riflettere che è molto più importante cercare di ottenere ciò che si ama piuttosto che essere costretti ad amare ciò che si ottiene.”

MCristina Raga

 

 

“Decathlon incontra il LEGO® SERIOUS PLAY® Method”

“Ogni tanto si torna un pò bambini nel costruire le nostre idee”

foto5

sono le parole che Alessia Nizza, direttrice della sede Decathlon di Ivrea, ed il suo team hanno usato per descrivere l’esperienza che hanno vissuto sperimentando il LEGO® SERIOUS PLAY® Method.

Con i tradizionali mattoncini LEGO® si costruiscono modelli reali di cose reali, mentre con LEGO® SERIOUS PLAY® si usano i mattoncini per costruire metafore, modelli reali di concetti, idee e situazioni al fine di rendere più semplice la comprensione e quindi la soluzione di temi complessi.

foto-2

“Pensare con le mani” permette veramente di mettere a fuoco aspetti di noi e del team dei quali spesso ignoriamo l’esistenza o che, per eccesso di rispetto o di timore nei confronti dell’altro, spesso non vengono esplicitati.

E’ risaputo che in ogni gruppo esistono problemi di comunicazione, di relazione, di gestione delle risorse, ma è altrettanto vero che imparando a “comunicare” e non a “sentenziare” si possono trovare delle soluzioni costruttive ed innovative.

foto-8

Superata l’iniziale sorpresa, devo dire che il team di Decathlon di Ivrea si è veramente messo in gioco in ogni sfida. Collaborazione, impegno e coraggio di darsi e ricevere feedback hanno incominciato pian piano ad emergere rivelando un gruppo in grado di saper gestire differenti punti di vista per trovare una strada comune.

 

Bravi ragazzi!!!

MCristina Raga

 

 

“Il Cervello Emotivo e Sociale”

Cos’è la mente e come funziona?

cervello-sociale

É difficile dirlo…

Diverse discipline scientifiche hanno tentato di darne una spiegazione…

Oggi la neurobiologia interpersonale descrive la mente come il risultato armonico dell’integrazione tra processi cerebrali e mentali, meccanismi neurobiologici e relazioni interpersonali. Dunque, oltre alle connessioni sinaptiche, anche le connessioni comunicative con gli altri giocano un ruolo molto importante nella costituzione dei processi mentali.

Le esperienze sociali che nel corso della vita maturiamo sono fondamentali per la crescita della nostra mente; esperienze che coinvolgono necessariamente la nostra sfera emotiva-affettiva, senza la quale non è possibile giungere ad una reale comprensione dell’essere umano. Infatti, le neuroscienze ci dicono che non è più sufficiente circoscrivere il campo d’indagine allo studio dei soli processi cognitivi, ma che occorre anche esplorare lo sviluppo emozionale e sociale di un individuo!

In particolare, oggi sono le neuroscienze affettive (area disciplinare in rapida espansione), che, con i loro studi mirati e altamente specialistici, riconoscono il cervello umano come un cervello emotivo e sociale, le cui complicate connessioni cerebrali vengono plasmate in modo diretto dalle interazioni interpersonali. Per mezzo delle tecniche di neuroimaging, della biologia molecolare e della neurogenetica, si è ormai giunti alla consapevolezza che il cervello non è statico e fisso, ma modifica costantemente le sue connessioni strutturali (e, di conseguenza, le sue funzioni neuronali) nel corso della vita, anche grazie alle interazioni con gli altri. E questo succede fin dalla nascita! Pensiamo al neonato: egli non ha coscienza di sé, ma sono i genitori (specialmente la madre) che devono farsi interpreti delle sue emozioni per comprendere di cosa abbia bisogno. Ed è proprio grazie al continuo dialogo e scambio di comunicazioni inconsapevoli e non verbali che avviene tra madre e neonato, che si costruisce la struttura mentale del bambino. Infatti, i primi due anni di vita, rappresentano una fase cruciale per lo sviluppo morfologico del cervello infantile e la madre, assumendo la funzione di “regolatore psicobiologico esterno”, influisce direttamente sulla crescita delle strutture cerebrali del bimbo, che, appunto, nei primi due anni di vita vanno organizzandosi. E qual è l’area del cervello maggiormente coinvolta in queste esperienze di accudimento e di relazione precoci? L’emisfero cerebrale destro, sede dell’elaborazione delle informazioni emotive non verbali, inconsce e soggettive, che viene comunemente definito emisfero emotivo.

Pertanto le esperienze emotive, affettive e relazionali che un essere umano fa, a partire dalla nascita, contribuiscono in maniera importante alla maturazione della sua mente/cervello, in quanto la capacità funzionale delle varie reti neurali dipende, come illustrato poc’anzi, dal tipo di esperienze sociali assimilate. Dunque, le trame relazionali che si instaurano nel corso della vita sono significative per un individuo: il cervello/mente raggiunge uno sviluppo completo solo se si trova in un contesto interpersonale, cioè nella dimensione comunicativa di un incontro con un altro che, se sa sintonizzarsi, realizza una sorta di “ponte relazionale empatico”, fondamentale per la piena maturazione del cervello stesso e quindi per una corretta evoluzione del sé.

Ma, d’altronde, non lo sosteneva già Aristotele, in tempi non sospetti, che l’uomo è un animale sociale?

Alessia Cenzato

“Lo sport come metafora della vita”

Lo sport è la metafora della vita: ti insegna a compiere sacrifici, a credere in degli ideali, a lottare per qualcosa, a rialzarti dopo una caduta.

foto-buffon

Ti insegna che se una partita dura 90 minuti ci devi credere e devi correre per quei fottutissimi 90 minuti, perchè se ti fermi prima, se molli prima, hai già perso in partenza. Ti insegna che devi dare tutto, che anche quando sei stanco devi metterci la grinta e continuare a lottare, perchè altrimenti sprofondi.

Ti insegna che devi accettare il verdetto del campo, che se incontri qualcun’altro più forte di te, ti devi inchinare e riconoscere il suo valore. E che se non sei stato abbastanza bravo e all’altezza della situazione devi inchinarti lo stesso, e riconoscere i tuoi limiti. Ti sprona a migliorarti, a crederci sempre e a non arrenderti mai. Ti insegna che nulla è impossibile, che a volte i miracoli accadono. Ma solo a volte. Perchè alla lunga vince poi sempre il più bravo. E con “bravo” intendo colui che ha avuto la determinazione e la costanza di coltivare il suo talento. Passione, sacrificio, talento.

E poi ti insegna due valori fondamentali: la solidarietà verso i propri compagni di squadra e il rispetto per l’avversario. E non a caso ho usato il plurale prima e il singolare dopo: perchè sono dell’idea che la forza del gruppo possa reggere l’urto di ogni avversità. Ma se sei in un gruppo e un tuo compagno molla, allora è finita. E forse questo è un po’ quello che è successo alla Juve ieri sera.

Lo sport arriva anche a farti versare lacrime, che siano di gioia o di delusione poco importa: è l’emozione che sta dietro a quelle lacrime che è importante, perchè lo sport ti fa emozionare, ti fa vivere. E non mi riferisco solo al calcio, questo discorso vale per tutti gli sport. Il punto, però, è che ci si dovrebbe fermare a questo, nello sport, così come nella vita: a versare lacrime. Lacrime di fatica, sudore, speranza, felicità, amarezza, passione per quelli che sono i propri valori e i propri ideali.

A lottare sì per il proprio credo, calcistico o religioso che sia, senza mai perdere di vista il rispetto per l’avversario. Ma il problema è che non siamo capaci di fermarci a questo. Dagli sfottò senza senso e beceri nel mondo del calcio quando l’avversario perde, all’eliminazione fisica dell’avversario nel mondo là fuori, solo per citare due esempi attuali di che cosa significhi oggi aver perso il rispetto. Rispetto che, forse, non abbiamo mai avuto. Sicuramente paragonare le due cose può sembrare a prima vista azzardato, ma se ci fermiamo un attimo a riflettere e ci spogliamo di ogni ipocrisia, ci rendiamo conto che non è un confronto poi così assurdo. Paragonare la delusione per una sconfitta in una partita di calcio alla delusione che nasce spontanea nel guardarci intorno e vedere il mondo andare a rotoli, è da folli.

Ma signori, l’altra sera poco dopo le 22.00 nel mondo, nel nostro mondo, è andato in scena tutto questo: Cardiff, Torino, Londra. Tralascio i commenti sui fatti impietosi di Londra e anche su quelli di Torino (che poi sono figli, in un certo qual senso, di quelli londinesi), poichè non mi reputo all’altezza di commentarli, senza cadere nel banale e nei soliti luoghi comuni. “Abbiamo perso la libertà”, “siamo schiavi del terrore”, oltre a questo, non saprei dire altro. Lascio, pertanto, l’analisi di tali drammi a chi è più competente di me, gli slanci empatici di vicinanza a morti e feriti a chi è solito usare i social più di quanto lo faccia io, e mi tengo le mie umili e discutibili riflessioni a riguardo, con le mie convinzioni, i miei sentimenti e le mie speranze.

Io mi tengo le lacrime che arrivano da Cardiff, quelle sane, quelle di Gianluigi Buffon, perchè sono le lacrime che nello sport, e nella vita, ho versato anch’io tante volte. E che continuerò a versare. Perchè è questo il mondo in cui credo, la mia fede. Ragazzi, ci riproveremo l’anno prossimo, con ancora più grinta e convinzione. Pronti, come sempre, a rialzarci.

 #finoallafine Forza Juventus!

Alessia Cenzato

 

“Entusiasmo e scoperta” al LEGO® SERIOUS PLAY® workshop

Grande entusiasmo tra i partecipanti al LEGO® SERIOUS PLAY® workshop che si è tenuto in questi giorni presso il Centro AIDE.

lego-146

Mai avrebbero pensato i partecipanti di venir coinvolti così tanto dai famosi “bricks” in attività serie miranti alla scoperta non solo delle proprie qualità nascoste, ma delle qualità del gruppo creando così una squadra collaborativa e vincente.

lego-115

Impiegando i mattoncini per costruire e condividere una storia, si passa sempre dall’individuale al collettivo ed è proprio in questo che risiede l’efficacia del LEGO® SERIOUS PLAY® method. Non esiste persona che non abbia conosciuto il mondo attraverso l’interazione manuale con gli oggetti. Già il famoso pedagogista e psicologo Jean Piaget, attraverso la sua teoria degli stadi dello sviluppo cognitivo, affermava che i bambini non acquisiscono conoscenza un pò alla volta, ma usano le loro esperienze del mondo per costruire le loro “strutture cognitive”.

Quindi noi non siamo dei contenitori passivi, ma dei costruttori di teorie, soluzioni e strategie. lego-100
Le mani, nel LEGO® SERIOUS PLAY® workshop, diventano uno strumento di “innovazione e soluzione strategica”.  Non esistono più delle riunioni 20/80 dove i partecipanti si ritraggono fisicamente (leaning out) allontanandosi dal contesto ed assumendo una posizione divergente. Manager e leader creano inevitabilmente una situazione 100/100!

Questo è proprio quello che si è creato durante il workshop presso il Centro AIDE dove il potenziale di ogni partecipante lego-148 ha creato nuova conoscenza unendo i fini individuali e quelli del team.  Un gruppo che sappia tener conto delle caratteristiche del sistema/organizzazione di cui fa parte, di come questo possa evolvere e reagire di fronte a situazioni nuove o di “emergenza” non prevedibili, di cosa si può modificare e ciò che invece è indipendente dalla sua portata crea una reale connessione tra i fini dell’azienda e quelli dei dipendenti.

Il LEGO® SERIOUS PLAY® workshop è un’esperienza da provare, perchè non si può raccontare!!!!

A presto

M.Cristina Raga

“Mindfulness: Un modo nuovo di diventare consapevoli”

Vi sarà capitato di guidare, fare la doccia, lavare i denti in modo automatico, con la testa completamente rapita da altro. Ecco, è in queste occasioni, dove la mente si allontana dall’esperienza precisa che stiamo vivendo, che la Mindfulness può intervenire a recuperarla e focalizzarla su quel preciso momento.

mindfulness_poster_UK

Si tratta della capacità di portare l’attenzione al presente in maniera intenzionale e sospendendo il giudizio. In poche parole, un processo mentale che ha sì le sue origini nella meditazione di stampo buddista (da cui ha eliminato però la componente religiosa), ma che si propone di entrare a far parte delle azioni che la persona compie quotidianamente portando a un nuovo, e migliore, stile di vita.

“Aumentare la consapevolezza dei nostri stati mentali, cioè delle emozioni, dei pensieri e delle sensazioni fisiche, accresce la flessibilità mentale. In questo modo vengono meno gli automatismi, e la mente è più lucida” (Kabat-Zinn, 1990). Cosa significa? Che è più probabile che reagiamo alle situazioni, anche quelle di difficoltà, con delle vere e proprie risposte piuttosto che con delle reazioni impulsive: come se d’un tratto quella sorta di pilota automatico che normalmente affianca i nostri processi mentali si spegnesse e lasciasse spazio al vero io.

 

Come si fa?

La consapevolezza può essere coltivata in molti modi, che possiamo distinguere in pratiche formali e pratiche informali.  Definiamo formali quelle pratiche che sono scandite da un inizio ed una fine (es. body scan, meditazione seduta, meditazione camminata), e che portiamo avanti in un arco di tempo stabilito osservando delle precise istruzioni. E’ fondamentale ritagliarsi spazio e tempo, nel corso della  giornata, per dedicarsi alla meditazione attraverso una delle pratiche formali.

o-mindfulness-practice-facebook

Tuttavia, ci si può allenare alla consapevolezza in qualunque momento della giornata anche attraverso le cosiddette pratiche informali. Le normali attività quotidiane, come guidare la macchina, preparare il caffè, fare la lavatrice, eccpossono diventare piccoli e preziosi attimi di consapevolezza, nel momento in cui portiamo una piena presenza in quello che facciamo.

Da molti anni la Mindfulness è oggetto di rigorose ricerche cliniche ed oggi viene inserita nei protocolli terapeutici ufficiali per molti disturbi e problemi, in particolare per la depressione, i disturbi d’ansia e le sindromi dolorose.

Sono stati dunque elaborati dei protocolli e delle modalità di intervento terapeutico che si basano sulla pratica della mindfulness. I più noti sono la MBSR (Mindfulness Based Stress Reduction), la MBCT (Mindfulness Based Cognitive Therapy) e una ulteriore evoluzione che è l’ACT(Acceptance and Commitment Therapy).

 

Perché si pratica?

Entrata nella pratica clinica dalla fine degli anni ’70 come rimedio allo stress grazie al biologo americano Jon Kabat-Zinn, ora la Mindfulness è considerata da diversi esperti una leva per l’avviamento delle pratiche cognitive di nuova generazione.

La  ricerca si è aperta infatti negli ultimi anni a declinazioni che spaziano dalla comprensione dei disturbi dell’umore alla gestione dell’ansia e delle crisi di panico, del disturbo ossessivo compulsivo, del dolore cronico, fino a volerne investigare gli effetti anche nel mondo dell’infanzia e nel campo dell’apprendimento.

Ma è anche fuori dall’ambito clinico che la Mindfulness riscontra un alto tasso di gradimento del pubblico. Alle strutture specializzate si rivolgono infatti sempre più spesso persone che vogliono percorrere questa strada per provare ad aumentare le proprie capacità di concentrazione in vista di traguardi importanti come quelli delle performance sportive, del mondo dell’imprenditoria e della finanza.

Cosa dicono le neuroscienze?

Il versante dove la ricerca sta provando a dare risposte più immediate è sicuramente quello delle neuroscienze dove, in particolare grazie alle nuove risorse strumentali, è possibile oggi raccogliere informazioni sempre più dettagliate e in tempi anche rapidi sugli effetti della Mindfulness sul cervello. Attraverso le tecniche di imaging cerebrale, per esempio, sono stati individuati cambiamenti nella morfologia di alcune aree della corteccia in seguito a trattamenti di almeno 8 settimane, e in particolare in quelle deputate alla memoria, all’empatia, alla consapevolezza di sé e allo stress.

 

La mia esperienza personale

Da circa un paio di anni, ricopro il ruolo di formatrice di corsi Mindfulness sia a livello individuale che di gruppo.  Da queste esperienze altamente formative, ho potuto trarre alcune considerazioni personali.

today

Sono giunta alla conclusione che la pratica della Mindfulness, ci aiuta a differenziare la nostra esperienza mentale e ad integrarla, a sviluppare non solo nuovi schemi di lettura della realtà, ma anche una diversificazione della nostra consapevolezza. Non giudicando ci accorgiamo che, attraverso la meditazione, i giudizi possono cambiare nel tempo, le emozioni negative o positive si modificano da sole e il modo in cui soffriamo o gioiamo delle cose cambia. Il cambiamento esistenziale nasce, perché quando viviamo momenti felici sappiamo che sono passeggeri e possono subire trasformazioni, quindi ne beneficiamo maggiormente. Nel tentativo di proteggerci dal dolore invece, solitamente mettiamo in atto meccanismi che generano angoscia e/o somatizzazione. Grazie alla pratica di consapevolezza, quando la sofferenza arriva, sapendo che tutto passa, riusciamo ad accettare e tollerare maggiormente sia il dolore fisico che psicologico.

La Mindfulness include quindi il concetto di transitorietà, consentendoci di comprendere che il presente è davvero prezioso. Anche nei momenti difficili siamo aperti al pensiero che stiamo soffrendo, ma lo facciamo senza giudizio e ciò fa sì che la sofferenza cessi insieme al dolore. Non c’è un prolungamento della sensazione psicologica di sofferenza all’esaurirsi di quella dolorosa. Si diventa capaci di amare, di accedere alle proprie risorse, si accetta, si accoglie, non ci si fa trascinare dalle emozioni, si riesce a “stare” nei momenti difficili.

Tutto questo è possibile, se applicato con continuità. Il programma infatti, è strutturato in otto settimane proprio per fare in modo che, gradualmente e senza un tempo prefissato, ciascuno possa raggiungere un’accettazione di sé e vivere pienamente le proprie esperienze. L’obiettivo finale è quello di generalizzare ed estendere questa consapevolezza a tutte le situazioni di vita quotidiana, acquisendo l’abitudine mentale di godere e vivere appieno qualsiasi tipo di attività.

Il potere della nostra mente è grande. Se essa divaga, può dirigersi ovunque con il rischio per noi di perdersi dietro di essa. L’importante è diventare coscienti di ciò che sta accadendo e, quindi, di scegliere se permettere o meno a pensieri, emozioni o sensazioni di restare. La Mindfulness ci insegna a fare nostra questa modalità dell’essere, a divenire quindi meno vulnerabili di fronte alla potenza del pensiero e a rendere, di conseguenza, la nostra mente più forte.

 

Dott.ssa Elisa La Marra

 

“E se quei mattoncini fossero di più che semplici mattoncini?”

Da BILLUND ad IVREA!

Siete degli appassionati dei giochi della LEGO®?Al contrario non avete mai costruito niente (o poco) con i famosi mattoncini nell’arco della vostra vita?

Non vi preoccupate!

Il metodo LEGO® SERIOUS PLAY® è veramente alla portata di tutti!

Che cos’è? 

lego-4

E’ una nuova metodologia nata per elaborare attraverso il “gioco serio” strategie di business che porta con sé molti vantaggi dati innanzitutto dallo strumento: i mattoncini LEGO®.

Oltre all’immediatezza ed alla facilità dell’uso dei mattoncini, è il processo che fa la differenza!

Non si tratta più di replicare la realtà costruendo modellini di qualcosa di esistente, ma piuttosto di esplorare una realtà spesso inconsapevole, attraverso le metafore e lo storytelling.

Così il metodo LEGO® SERIOUS PLAY® diventa ideale per lavorare sui gruppi, nel team building, per risolvere problemi complessi, per definire strategie di business e value added proposition, perché aiuta a semplificare la realtà ed a trovare soluzioni inattese.

Da qui si può partire per applicare il metodo in diversi ambiti, ad esempio negli assessment o in colloqui individuali o per gestire riunioni.

E’ molto versatile, ma con un processo ben definito… altrimenti non sarebbe LEGO® SERIOUS PLAY®.

Dove puoi provarlo?

foto con Per color

Ad Ivrea presso il Centro AIDE sono presenti Facilitatori Certificati direttamente da uno dei fondatori del metodo, Per Kristiansen.

Vi aspettiamo per saperne di più!

 

Luisa Danieli